Stop Motion

Il mondo è strano. Catapultati, tutti noi, su questa giostra, facciamo del nostro meglio per capirne le regole.
Forse l’aspetto più complesso è quello che regola gli aspetti sociali.
Ciò che mi lascia sempre perplesso è che tutti lo facciano sembrare così facile… legare con un altro essere umano.
E’ come se nessuno avesse detto loro che è la cosa più difficile al mondo.
La mia parte oscura è sempre viva in me, e governa le mie azioni. La conosco, la accetto, imparo a governarla.
Rammenta sempre chi sei… gli altri lo faranno. Fanne la tua armatura, e non potrà essere usata contro di te.
La mia collezione di maschere cresce ogni giorno.
Lo sforzo più grande è quello che faccio per apparire come gli altri. Per creare contatti, e poterli mantenere. Ogni azione sembra, però, portarmi sempre più lontano dal traguardo.
Il processo di controreazione è logorante, ma necessario. E’ il solo che permetta di misurare la traiettoria, e di aggiustare il tiro. E la fatica fatta per modificare il percorso, spesso, è ciò che più consuma le energie.
Non si può pensare di fare una cosa per sistemarne un’altra; anche se, poi, è quello che si fa ogni giorno: cercare di sistemare le cose.
L’oscurità non si cancella, te la porti appresso in ogni respiro, la manifesti in ogni gesto. La senti dentro in ogni istante della tua vita. Si può solo imparare a diluirla, assaporando la luce presente nei momenti che vivi. Gustando il presente ed ogni sua promessa.
E, quando non si riesce in questo intento, bisogna chiudere gli occhi, riempirli di nuovo di oscurità, e poi provare a guardare di nuovo.
Cerco quello che possa rendere tutto meno fasullo ed irreale: degli occhi che mi vedano per quello che sono realmente, luci ed ombre. Qualcuno a cui poter mostrare, senza timore, anche la parte più oscura.
E, sebbene sia convinto che i desideri siano solo per i bambini, forse, provando a crederci per un attimo, potrei anche convircermi che non sia sempre così. Che, ogni tanto, qualcosa prenda la giusta direzione. Senza forzature. Senza deviazioni.
Pensieri sciolti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *